giovedì 4 luglio 2013

Quasi recensione: Il canto dei verdi marci

Questa bella copertina è di Giordano Efrodini

Salve, oggi vi propongo un ebook snello e disinvolto, scritto a quattro mani da Cristiano Pugno e Gianluca Santini. Si tratta de Il canto dei verdi marci, un racconto che fa parte di quel progetto di scrittura condivisa del quale vi ho parlato diverse volte, ospitato anche in una delle pagine statiche di questo blog: Risorgimento di Tenebra. 
Non si tratta di un vero e proprio universo condiviso, come in progetti più strutturati come il Survival Blog e Due minuti a mezzanotte, ma di un'ambientazione dai confini labili nei quali gli elementi stabili sono il tema risorgimentale, sia inteso in senso cronologico-storico che letterario, e il tema orrorifico. In questo modo potremmo trovare letture diverse della Repubblica Romana, della spedizione di Sapri, della presa di Porta Pia e della Terza guerra d'indipendenza (tutte storie scritte per Risorgimento di Tenebra) oppure un Cavour cacciatore di vampiri o un Leopardi che si diletta con endecasillabi e ritornanti dalla morte.
Quest'ultimo aspetto è stato affrontato dai nostri due autori partecipanti al progetto, Cristiano Pugno e Gianluca Santini, curatori rispettivamente dei blog Blog di Beppe e di Nella mente di Redrum
Nel racconto troviamo un Giacomo Leopardi meno passivo e introverso del solito, munito di una spada di legno che affronta un attacco di massa di Zombie al famoso ermo colle. E qui sta il primo elemento interessante: ogni capitolo fa riferimento ad alcune delle vere opere del poeta, che costituiscono anche l'ambientazione in cui si svolgono le vicende narrate. 
L'altro personaggio è ovviamente Silvia, solo che la ragazza non ne vuol sentire di fare la parte della donzella in lacrime da salvare, anzi col suo martello si sa fare intendere da tutti: viventi e non.
Altro elemento interessante è l'atmosfera, ironica e macabra allo stesso tempo, che mi ha ricordato quella del film "L'armata delle Tenebre" di Raimi. Per questo anche le situazioni più splatter e drammatiche, sono sempre stemperate da un velo di leggerezza spensierata.
Il ritmo della narrazione è rapido, la forma curata e senza refusi, le descrizioni efficaci e la lingua realistica, come quando Giacomo si esprime come in uno dei suoi sonetti.
Forse lo scontro finale è un po' troppo tirato via, mentre nell'epilogo ci viene fatta una rivelazione interessante.
Si legge rapidamente e in modo piacevole, consigliato.
Lo trovate da scaricare gratuitamente a questo indirizzo, in tre formati diversi.

4 commenti:

  1. Ti ringrazio per le belle parole, Massimo. :) Devo ammettere che, almeno per quanto mi riguarda, il paragone con Army of Darkness mi rende particolarmente orgoglioso. ^^

    Ciao,
    Gianluca

    RispondiElimina
  2. grazie e sono contento ti sia piaciuto!
    Adesso lo proporremo come sostitutivo delle antologie per le scuole medie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! Chi la manda la mail al Ministero dell'Istruzione?

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Etichette

Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia.